Offertedi lavoro
  • Ad oggi l'amministrazione del Comune di Cervia non ha ancora emesso l'ordinanza per la data di apertura degli stabilimenti balneari a Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata. Nessuna notizia neanche sulle aperture serali. La cooperativa manda una lettera ufficiale al sindaco Luca Coffari. In allegato il documento.

    Stim.mo Signor Sindaco,

    l'approssimarsi della stagione balneare ripropone il tema dell’apertura delle spiagge di Cervia. Le istanze, anche quelle più "moderate" da noi proposte nel tempo, in relazione alla stagionalità e al superamento dei divieti di apertura, non sono state purtroppo ancora accolte, comprese.

    Località a noi vicine hanno da tempo rimosso barriere temporali senza particolari difficoltà favorendo, con ottimi risultati, frequentazioni turistiche anche in periodi non squisitamente estivi. Ciò ha consentito una migliore dinamicità imprenditoriale ed una aumentata capacità attrattiva cittadina, con evidenti e diffusi benefici.

    Riteniamo ormai consumato l'asfittico dibattito caratterizzato da preoccupazioni e da resistenze, pur legittime  ma inopportune in un contesto turistico sempre più rivolto alla competizione e innovazione.

    Peraltro, le gravi e riconosciute difficoltà di alcuni settori imprenditoriali, pur in presenza di ordinanze balneari limitative, affrancano la tesi che a nulla valgono restrizioni che, al contrario, contribuiscono all'impoverimento delle opportunità che i turisti, "unici titolari e decisori di spesa", ci segnalano, inascoltati da anni.

    In molte occasioni abbiamo proposto convincimenti sulla necessità di "rinnovare" la proposta di soggiorno alberghiero, motivando come la spiaggia potesse aiutare a rendere più gradevoli, divertenti ed emozionali i sempre più brevi soggiorni. Un contributo disatteso.

    Attendersi frequentazioni autunnali o primaverili su un lungomare o su altri luoghi spenti e privi di attività è un ossimoro economico, sicuramente turistico. Troppi sono i contesti con più  ombre che luci.

    Nella competizione turistica si è promossi o bocciati; a volte può capitare di essere rimandati, un'ambizione questa che forse sarebbe opportuno non soddisfare.

    Attendiamo l'ordinanza, che confidiamo sarà un ordine più ad aprire che a chiudere.

    Come sempre, saremo diffusori e sostenitori del rispetto delle norme e favorevoli alla concorrenza vera, quella dell'impresa che davvero compete e prospera nelle regole e non d'altro.

    Cordialmente,

    Danilo Piraccini

    Pres. Cooperativa Bagnini di Cervia

  • Parte dall’app ‘Spiagge Cervia’ la notifica dell’Allerta Meteo della Guardia Costiera. L’avviso, rapido e sicuro, arriva su smartphone e tablet grazie all’idea della Cooperativa Bagnini di Cervia per affrontare l’emergenza in tempo reale.

    È un progetto su cui la Cooperativa Bagnini di Cervia lavora da mesi ed è il sistema più veloce, preciso e completamente gratuito per comunicare l’Allerta Meteo e consentire in tempo reale di affrontare l’emergenza.

    È sufficiente scaricare l’app gratuita ‘Spiagge Cervia’, nata la scorsa estate per il turista, e arricchita nel 2015 di una nuova funzione grazie alla quale attraverso una notifica push la Cooperativa Bagnini di Cervia comunicherà gli stati di allerta meteo della Guardia Costiera e aggiornerà sulle criticità relative al territorio, su smartphone, tablet, iphone e ipad dei diretti interessati, ovunque essi si trovino.

    La notifica arriva dall’app ‘Spiagge Cervia’, operativa e disponibile sia per piattaforme Android che IOS, ed è a disposizione di tutti gli imprenditori balneari, alberghieri, del commercio e più in generale di chiunque ha interesse ad essere aggiornato in tempo reale sugli avvisi di Allerta Meteo. Si pensi per esempio ai residenti o ai possessori di seconde case nella zona che potrebbero usufruire di questo servizio pubblico gratuitamente.

    Il sistema di notifiche, accessibile anche al Comune, alla Prefettura, alla Protezione Civile e alla Capitaneria di porto di Cervia, consente di inviare messaggi istituzionali, avvisi di sicurezza, dati meteorologici e ambientali in automatico a tutti i soci della Cooperativa Bagnini di Cervia e a tutti gli utilizzatori dell’app che abbiano aderito al servizio: tutte le mail inviate a una apposita casella di posta elettronica, vengono pubblicate in automatico nell’apposita area all’interno dell’app ‘Spiagge Cervia’ e viene inviata una notifica push a tutti i soci.

    Questo servizio di allerta, essendo automatico è sempre attivo 365 giorni all’anno 24 ore al giorno. Per i soci sprovvisti di smartphone e tablet è previsto comunque, sempre in automatico, l’invio di un sms di notifica.

    Fra le nuove funzionalità dell’app c’è anche un innovativo sistema di comunicazione e scambio informazioni tra la Cooperativa e i soci attraverso una specifica area riservata all’interno dell’app, con un duplice obiettivo: da un lato ridurre i costi di invio delle comunicazioni e dall’altro offrire un servizio ai soci di più facile consultazione di normative, ordinanze, provvedimenti e convocazioni delle riunioni.

    La nuova applicazione della Protezione civile è un prodotto realizzato dalla startup innovativa DMA e nasce da un’idea della Cooperativa Bagnini di Cervia in collaborazione con la Guardia Costiera.

    Il Presidente della Cooperativa Danilo Piraccini ha fortemente voluto che venisse realizzato uno strumento di supporto di questo tipo: “L’idea nasce nell’ottobre scorso - afferma Piraccini - osservando le immagini di Genova, piegata alla tragedia ambientale e umana causata da un alluvione particolarmente violenta.  Anche in quella occasione emersero poco edificanti rimpalli di responsabilità sui ritardi e sulle modalità di comunicazione dell’Allerta Meteo. Ci ponemmo un obiettivo semplice. Realizzare un nuovo modello di comunicazione che permettesse di allertare in modo diffuso, efficace e rapido. Per farlo avevamo necessità di individuare ed eliminare i punti critici nei passaggi comunicazionali. La realizzazione e l’utilizzo del Meteo nell’app ‘Spiagge Cervia’ consente agli utenti di poter intervenire in anticipo sulle condizioni avverse riducendo significativamente rischi e danni”.

    Per il Comandante Vincenzo Petrella: “La Guardia Costiera non può che essere entusiasta di questa iniziativa essendo nel DNA del corpo delle Capitanerie di porto la salvaguardia della vita umana in mare e la sicurezza della balneazione oltre alla difesa del delicato ambiente marino e costiero. Complimenti vivissimi alla Cooperativa Bagnini di Cervia che anche in questa occasione si è mostrata attenta e all’avanguardia nelle modalità di comunicazione”.

  • Prestito o mutuo a condizioni agevolate, è la proposta della Banca Popolare dell'Emilia Romagna per chi ha subito danni dal mal tempo.

    1) Prestito Aziendale
    destinato ad Aziende con sedi operative o unità locali nelle aree colpite ed i cui beni mobili o
    immobili abbiano subito danni diretti o indiretti causati dall'alluvione.
    Durata: 6 mesi (con possibilità di estinzione anticipata senza penale)
    Tasso: 1%
    Spese istruttoria: zero
    Incasso rata: zero
    Importi: min. 5.000 euro - max 50.000 euro
    rimborso: mono rata con rimborso di capitale e interessi a scadenza
    Per la presentazione della domanda è sufficiente autodichiarazione del danno subito diretto o
    indiretto.


    2) Mutuo Chirografario
    Finanziabilità: fino al 100% delle spese documentate tramite fattura (iva esclusa) per:
    prime opere di messa in sicurezza e ripristino, spese di delocalizzazione temporanea, spese
    tecniche progettuali e peritali, ricostituzione scorte, anticipo per appalto lavori, riparazione e
    acquisto macchinari ed attrezzature ed impianti, semplice liquidità (max 30% dell'importo
    erogato)
    necessaria la presentazione dei giustificativi di spesa (preventivi) per l'istruttoria e delle fatture
    per l'erogazione (con esclusione della prima erogazione in ragione del 30% quale liquidità)
    durata: massima 24 mesi, comprensiva di un periodo di utilizzo di 12 mesi nel corso del quale
    potranno essere effettuate erogazione a SAL dietro presentazione delle fatture e con massimo
    3 utilizzi sino al completamento del tiraggio della somma finanziata.
    Il rimborso del finanziamento avverrà in un'unica soluzione alla scadenza. (bullet)
    Il pagamento degli interessi avverrà con rateazione semestrale.


    Banca Popolare dell'Emilia Romagna
    Gruppo BPER

  • La sentenza del TAR Lombardia sulla interrogazione dei senatori PD sulle concessioni demaniali.

    Si allega il testo integrale della sentenza

  • Contributo della Cooperativa Bagnini di Cervia al contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale nelle spiagge.

    Progetto Spiagge Sicure 2014-2016

    Contributo della Cooperativa Bagnini di Cervia al contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale nelle spiagge.

    PREMESSA

    Il passato impegno profuso dalla collettività nella lotta all’abusivismo commerciale sulle spiagge cervesi, seppur importante, non è stato sufficiente a raggiungere il risultato atteso. Ciò ci impone una riflessione anche in relazione ai costi e ai benefici delle attività intraprese e da intraprendere. Peraltro, di fronte alle continue sollecitazioni pervenute, atte ad individuare nuovi percorsi di contributo al contrasto del predetto fenomeno illegale, la Cooperativa Bagnini di Cervia suggerisce all’attenzione di tutte le parti coinvolte, la possibilità di introdurre alcuni elementi di innovazione nell’approccio al fenomeno.

    Investire sull’incremento temporaneo delle unità di sorveglianza (es. vigili assegnati alle spiagge) nella speranza di eliminare, o almeno arginare, il fenomeno laddove si manifesta, sconta difficoltà strutturali che ne inficiano stabilmente il risultato, soprattutto sui tratti di litorale con particolari caratteristiche morfologiche.

    Inoltre, alcuni necessari interventi di contrasto condotti sulla battigia, nonostante le professionalità impiegate, si accompagnano inevitabilmente a momenti di tensione, con pregiudizio della percettibilità della spiaggia come luogo di vacanza.

    La spiaggia, per ciò che rappresenta e per la frequentazione, è un ambiente particolarmente delicato, è pertanto auspicabile che le maggiori attività di repressione siano rivolte negli altri ambiti territoriali.

    Le modalità di contribuzione economica volontaria di associazioni ed organizzazioni d’impresa non assicurano la necessaria pianificazione degli investimenti utili al contrasto del fenomeno.

    L’attuale congiuntura economica ha peraltro ridotto le potenzialità di tale sistema, palesando le difficoltà di operare strutturalmente anche solo sul breve periodo.

    In tal senso, ad esempio, anche le campagne informative di sensibilizzazione, saltuarie e di portata ridotta (depliant, pubblifono, etc.), non hanno determinato la necessaria consapevolezza della illiceità e della pericolosità dei prodotti acquistati.

    Un’innovativa azione di contrasto, basata su un maggior confronto con i vari livelli istituzionali nazionali, con le diverse esperienze europee, nonché con gli organismi di tutela dell’impresa e dei consumatori, può contribuire a migliori risultati.

    La sola defiscalizzazione del contributo privato, insieme ad altri interventi fiscali di scopo destinati a sostenere progetti di tutela della legalità, favorirebbe l’afflusso di risorse nel tempo.

     

    Il coinvolgimento di diversi argomenti e di svariati soggetti è dunque la premessa ai contenuti della proposta.

     

    PROPOSTA

    I soggetti coinvolti:

    la Comunità Europea

    il Parlamento

    la Regione Emilia Romagna

    il Comune di Cervia

    le forze dell’ordine

    le rappresentanze politiche

    le associazioni di impresa

    le associazioni di tutela del consumatore

     

    Gli elementi analizzati:

    il Pubblico (Regione Emilia Romagna/Comunità Europea)

    dati del fenomeno

    costi e i benefici

    studio e ricerca

    intervento normativo

    fiscalità

    comunicazione

     

    IL PUBBLICO/LA REGIONE EMILIA ROMAGNA

    È evidente che lo stato dei luoghi incide sulla qualità dell’offerta turistica.

    In altre importanti località del Mediterraneo, il fenomeno della vendita sulla spiaggia è contenuto e circoscritto ad ambiti molto ristretti, tale da rappresentare un evento straordinario.

    La clientela cosiddetta di “prima linea” (prime file in spiaggia), solitamente, è quella di maggior valenza economica, anche in relazione alla permanenza.

    Oggi, in particolare, questa importante clientela manifesta, con sempre maggiore evidenza, fastidio e disturbo, causati dalla continua offerta di merce, con sovrapposizione di venditori e prodotti di ogni tipo oltre ai servizi alla persona, che negli ultimi anni è cresciuta in modo esponenziale.

    Prestigiose strutture alberghiere da anni denunciano tale fenomeno come pregiudizievole per l’affermazione della proposta alberghiera.

    Inoltre, la sicurezza della balneazione, che rappresenta anche un nuovo elemento dirompente e contributivo per la promozione turistica, rischia di essere compromessa, in talune circostanze, dalla numerosa presenza dei venditori abusivi.

    Garantire vivibilità - legalità, sia sulle spiagge che nelle aree urbane, è premessa fondamentale allo sviluppo turistico.

    In questo senso è auspicabile un maggior coinvolgimento della Regione Emilia Romagna a supporto di progetti e risorse.

     

    IL PUBBLICO/LA COMUNITÀ EUROPEA

    Verificare la legislazione europea in relazione alla tutela dei consumatori e delle imprese ed alla possibilità di sostenere e/o finanziare progetti divulgativi negli ambiti sociali (scuole, altro) sul tema della legalità. Accertare normative ed esperienze di altri paesi europei, promuovendo un convegno internazionale a Cervia sul fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione (made in Italy agro-alimentare).

     

    I DATI DEL FENOMENO A CERVIA

    Vedi allegati.

     

    VERIFICA COSTI/BENEFICI

    Verifica dell’ammontare delle risorse e dei costi oggi impiegati nell’attività di repressione e prevenzione (contributi associazioni, amministrazioni comunali) in relazione ai risultati ottenuti.

     

    STUDIO E RICERCA

    Affidamento di uno studio-ricerca sull’impatto economico dell’abusivismo, sia in termini di volume di affari che di fiscalità evasa.

    Indagine sui rapporti fra commercio abusivo ed organizzazioni criminose (la filiera illegale).

    Ricerca sulla pericolosità di oggetti, indumenti, accessori, giochi venduti sulla spiaggia che non sono prodotti nel rispetto delle normative vigenti. In tal senso, verifica di esperienze e testimonianze degli operatori sanitari, con il coinvolgimento delle associazioni di tutela del consumatore

    Attività di sensibilizzazione del consumatore sulla pericolosità dei prodotti illegali (materiali tossici, colori inquinanti, etc.), attraverso operazioni di comunicazione.

    INTERVENTO NORMATIVO

    La Cooperativa Bagnini invita i parlamentari della Regione a presentare interpellanze parlamentari che mettano in evidenza la gravità del fenomeno e le negative conseguenze in ambito turistico.

    FISCALITÀ

    S’identifica nel tema della fiscalità lo strumento necessario per la costituzione di fondi destinati al finanziamento di progetti mirati.

    È in tal senso auspicabile che i contributi erogati dai soggetti privati (imprenditori, associazioni) possano beneficiare della defiscalizzazione così come avviene già oggi in altri ambiti.

    COMUNICAZIONE

    Realizzazione di un progetto di comunicazione istituzionale, a livello nazionale (es. Pubblicità Progresso - testimonial), sugli effetti del fenomeno dell’abusivismo commerciale.

    Partecipazione a trasmissioni e programmi di informazione radio/tv (sostenuta dalle associazioni di categoria, della cooperazione, dell’industria) dedicati al tema.

    Iniziative sul rapporto commercio-legalità nelle scuole medie inferiori e superiori (programma coadiuvato da associazioni di volontariato, organi istituzionali, polizia di stato, guardia di finanza, municipale, etc).

    Istituzione di un osservatorio sul fenomeno dell’abusivismo commerciale a Ravenna (numero verde).

    INTERVENTI SUL TERRITORIO

    Verificare la possibilità di realizzare una rete di videocamere di sorveglianza nella fascia ricompresa fra gli stabilimenti balneari e gli hotel, pur nel rispetto delle normative di legge.

    Intensificare collaborazioni fra le amministrazioni, le associazioni di categoria, i proprietari, altri.

    Sostenere progetti di reperibilità delle risorse in ambito comunale (imposta di scopo comunale, contributi volontari, sponsor, altro).

     

     

    Coop Bagnini Cervia

    Cervia, lì

  • Legato alla certificazione di qualità, è attivo il Progetto UN BAGNINO PER AMICO, servizio rivolto ai turisti diversamente abili.

    Poltrone per disabili e assistenza

    Gli stabilimenti balneari che aderiscono al progetto "La spiaggia di Cervia Qualità Certificata" che, come detto nella pagina dedicata, espongono all'ingresso una tabella identificativa e nel nostro sito sono contrassegnati dal logo TUV, possono richiedere l'utilizzo di poltrone per disabili, telefonando direttamente al numero verde in loro possesso. Sarà compito dell'operatore consegnare le poltrone (salvo disponibilità) e organizzare l'assistenza al disabile.

    Tale assistenza è garantita grazie al supporto e alla collaborazione di Fisioequipe, che impiega nella iniziativa 3 operatori professionali che per 1 ora al giorno sono di supporto alle persone disabili e ai propri familiari.
    Il servizio di assistenza è operativo da giugno fino alla fine di agosto, tutti i giorni (escluso sabato e domenica) dalle 9,30 alle 12,30/13,00.

    Il progetto della Cooperativa Bagnini, oltre ad assumere una forte valenza etica, si propone anche di fornire una proposta innovativa al sistema alberghiero, il quale, grazie a questa iniziativa, può riservare ai clienti anche temporaneamente "non abili", un supporto eccellente, e ad oggi esclusivo, nel panorama delle spiagge più affermate. Il servizio è completamente gratuito.

     

  • La prima piattaforma multicanale disponibile per oltre 200 stabilimenti .. Un filo diretto con i turisti che potranno ascoltare e ricevere la radio su tablet e smartphone ovunque essi siano..

    “Misura ciò che è misurabile e rendi misurabile ciò che non  lo è”

    Galileo Galilei

    Cervia,  Milano Marittima,  Pinarella e Tagliata...... uno dei comprensori turistici più importanti d’Italia.. 9 km di spiaggia attrezzata  in cui è possibile navigare gratuitamente  su internet  grazie a collegamenti in fibra ottica di nuova generazione.

    Radio Gaileo Cervia si innesta su questo progetto come importante  strumento di ricezione ed accoglienza in grado di aggiornare   turisti i sulle iniziative della riviera, i servizi offerti, gli eventi…è un innovativo media indicato per la promozione del territorio. Uno strumento di intrattenimento e di arredo musicale  per  la riviera  utilizzabile da tutti  gli operatori  i quali   possono scegliere in  ogni momento il genere musicale.

    E' possibile selezionare il canale  Hit con i grandi successi dell’estate e spostarsi  nella pausa pranzo sul canale Relax on the Beach, oppure all’ora dell’aperitivo accendere  la  festa con il canale Family Party e in qualsiasi  momento selezionare il nuovo  canale Romagna.

    Un regalo per i turisti anche dopo la vacanza.
    Radio Galileo Cervia da un idea My Radio,  cooperativa bagnini Cervia, Comune di Cervia,  Acantho Spa (società del gruppo Hera).

26/03/2015 20:08:08
  • Fiera dei bagnini
    05 marzo 2015
    E' il 5 marzo l'incontro tra le imprese balneari e i fornitori ufficiali delle spiagge di Cervia. All'Hotel Dante dalle 11 alle 17.
  • Iniziativa Cervia Milano Marittima a Madonna di Campiglio
    27 febbraio 2015
    Programma della 'due giorni' a Milano Marittima organizzata dal Comune di Cervia
  • Concessioni balneari: le novità all'orizzonte
    17 novembre 2014
    ASSEMBLEA CNA BALNEATORI EMILIA ROMAGNA gli incontri con il governo, la situazione in Europa e gli atti giuridici di difesa delle concessioni LUNEDI’ 17 NOVEMBRE 2014 - ORE 17 Club Hotel Dante - Viale Milazzo, 81 – Cervia (RA)
Tutte le news