Offertedi lavoro
  • L'Assemblea delle Cooperative degli Stabilimenti Balenari aderenti a Legaccop in Emilia-Romagna chiede al Governo un intervento tempestivo a tutela delle imprese concessionarie del Demanio che si occupano di servizi e balneazione sull'arenile

    Si allega la lettera completa inviata dal Presidente di Legacoop Massimo Gottifredi al Presidente Matteo Renzi in merito alla evoluzione normativa delle concessioni demaniali

  • Lavori di ricalibratura delle scogliere emerse di Lido di Savio (RA)
  • Annullato dal TAR della Lombardia il provvedimento con il quale il Consorzio dei Comuni della Sponda Bresciana del lago di Garda e del lago di Idro aveva negato il rinnovo della concessione di area demaniale extraportuale nel Comune di San Felice del Benaco.

    (...) Avverso il provvedimento di diniego del rinnovo della concessione e avverso la D.G.R. Lombardia n. 7967/2008, la società Promoimpresa s.r.l. proponeva impugnazione dinanzi al Tar per la Lombardia, articolando tre motivi di ricorso, così riassumibili: a) il primo, diretto a contestare la violazione dell’art. 1, comma 18, del d.l. 30 dicembre 2009, n. 194, convertito con legge del 26 febbraio 2010, n. 25, nella parte in cui dispone la proroga del termine di durata delle concessioni sino al 31 dicembre 2020, intesa come norma che, seppure dettata con riferimento alle concessioni demaniali marittime, deve essere riferita anche alle concessioni demaniali lacuali, perché diretta a tutelare gli investimenti del concessionario in termini di ammortamento dei costi gestione, in diretta applicazione del principio comunitario di proporzionalità che esige che la concorrenza si concili con l’equilibrio finanziario del concessionario; b) il secondo, diretto a contestare la violazione degli artt. 50 e 58 della D.G.R. datata 6 agosto 2008 nella parte in cui impongono di commisurare la durata delle concessione alla “proficua realizzabilità dell’investimento”, così giustificando la possibile estensione della durata della singola concessione, in coerenza con il principio di proporzionalità da applicare a ciascun caso concreto; c) il terzo, diretto a contestare la disparità di trattamento rispetto alla disciplina delle concessioni del demanio lacuale insistenti sulla sponda Veneta del Lago di Garda, in quanto la D.G.R. Regione Veneto del 7 aprile 2009, n. 880, attribuisce al concessionario un diritto di prelazione in caso di nuova assegnazione della medesima area, non previsto dalla D.G.R. Regione Lombardia n. 7967/2008 ; 4) il quarto, diretto a contestare proprio la D.G.R. Regione Lombardia n. 7967/2008, se intesa come ostativa al rinnovo della concessione, per contrasto con il principio di proporzionalità a causa della omessa previsione di un regime transitorio favorevole ai concessionari.(...)

  • Prende forma il decreto sblocca-Italia: demanio e partecipate, largo ai privati


    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-08-14/demanio-e-partecipate-largo-privati-063715.shtml

     

     

    ROMA - Comincia a prendere forma il decreto sblocca-Italia o almeno alcuni dei pezzi che lo compongono. Una riunione di coordinamento complessiva e finale si terrà a Palazzo Chigi lunedì 25 agosto, al rientro dalla pausa estiva, ma in queste ore sono numerosi i testi che vengono scambiati fra la Presidenza del Consiglio e i singoli ministeri dopo l'incontro degli uffici legislativi di venerdì scorso. Se alle bozze che circolano non è possibile dare ancora il valore del testo compiuto, in molti casi si comincia a definire un orientamento attuativo delle linee guida, assai vaghe, annunciate da Matteo Renzi il 1° agosto.

    Su demanio e partecipate, per esempio, appare chiaro dai testi di questi giorni lo sforzo di ridare spazio a soggetti privati per attrarre nuovi capitali e nuove energie imprenditoriali. Per il demanio si parte dal bilancio impietoso che «le attuali procedure di dismissione e valorizzazione hanno mostrato di non produrre risultati concreti» e che «vi sono molti beni pubblici non utilizzati per i quali sarebbe possibile trovare investitori interessati se essi fossero messi sul mercato a condizioni accettabili». Si pensa quindi a «progetti di sviluppo» su aree pubbliche date in concessione o in diritto di superficie a due tipologie di soggetti promotori: i fondi comuni di investimento immobiliare o «soggetti imprenditoriali stabiliti nella Ue che abbiano forma unitaria e che possono documentare di aver condotto a termine nei sette anni precedenti alla data di entrata in vigore del presente decreto almeno una operazione di valorizzazione o di sviluppo immobiliare di importo almeno pari a quella di cui allo studio di fattibilità richiesto». Lo studio di fattibilità darebbe il via all'iter: sul modello del promotore infrastrutturale, dovrebbe definire tutti gli interventi proposti, le risorse, le volumetrie, gli investimenti, la durata della concessione o del diritto di superficie e dovrà comunque escludere ricadute di finanza pubblica. Il promotore dovrà prevedere come controvalore del periodo di concessione o del diritto di superficie «un predeterminato stock di alloggi di edilizia pubblica trasferiti gratuitamente all'ente locale». Si ipotizza nel testo anche la partecipazione di Cassa depositi e prestiti o della Cdp Investimenti Sgr, con modalità tutte da definire.

    Il testo contiene anche un pacchetto cospicuo di semplificazioni per sveltire le procedure di cessione degli immobili della Difesa e due norme che vorrebbero facilitare la dismissione di beni demaniali: l'esonero dall'obbligo di rendere in sede di atto di compravendita la dichiarazione di conformità catastale a pena di nullità dell'atto e la possibilità di acquisire l'attestato di prestazione energetica (Ape) in un momento successivo agli atti di trasferimento dell'immobile.

    Rilancio delle privatizzazioni anche per le società partecipate dagli enti locali, in particolare nei settori del trasporto locale e dei servizi igienici e ambientali. Operazioni da compiere entro il 31 dicembre 2015, dice il testo. Due le vie maestre: la quotazione in Borsa di almeno il 60% del capitale oppure la scelta con gara di un partner industriale qualora l'ente locale decidesse di tenere il 50,01% delle azioni e di collocare una quota minoritaria in Borsa (al partner andrebbe la quota restante). La quotazione in Borsa è comunque il perno dell'operazione anche per le condizioni di trasparenza che darebbe alle operazioni.

    L'incentivo principale (oltre a una serie di misure fiscali allo studio) che il governo offre sarebbe soprattutto il prolungamento della durata della concessione che le bozze circolanti estendono fino a 22 anni e sei mesi, il limite massimo consentito dalla Ue con il regolamento 1370/2007 (relativo in realtà al solo trasporto locale). La relazione garantisce il rispetto dei principio comunitari. Le bozze quantificano in 10 miliardi l'aumento del valore delle «società quotande» di questi settori qualora tutti gli enti locali interessati aderissero alla strada ipotizzata. Altri vantaggi sarebbero «il rafforzamento dimensionale dell'aggregato industriale» e soprattutto nel Tpl «la quotazione in Borsa favorirebbe la creazione di player regionali che potrebbero anche procedere rapidamente all'interazione ferro-gomma che stenta a decollare».

    Per la gestione dei rifiuti non manca una sorpresa non di poco conto sul lato della fiscalità locale: con l'obbligo di definire ambiti territoriali ottimali almeno su scala provinciale - contenuto nel testo - il governo dovrebbe riformare anche la Tari, la tassa sui rifiuti che oggi ha una competenza esclusivamente comunale. Nelle intenzioni dell'Esecutivo, con gli Ato per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati, delimitati secondo i piani regionali, si proverà, tra l'altro: a superare la frammentazione con una gestione integrata dei rifiuti; determinare adeguate dimensioni gestionali sulla base di parametri fisici, demografici, tecnici e sulla base delle ripartizioni politico-amministrative; valorizzare le esigenze. Gli Ato, inoltre, nei 5 anni successivi alla loro costituzione dovranno raggiungere l'autosufficienza di smaltimento anche ricorrendo alla cooperazione e al collegamento con altri soggetti pubblici e privati.

  • Le spiagge di Cervia in un palmo. Da oggi i 200 stabilimenti balneari delle spiagge di Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata diventano un app.

    Da oggi i 200 stabilimenti balneari delle spiagge di Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata diventano un app, una guida ricca di informazioni e contenuti per scegliere la spiaggia preferita, scoprire i servizi che offre, accedere al WiFi gratuito e ascoltare Radio Galileo. Inoltre con il concorso “Vinci le spiagge di Cervia” in palio una vacanza esclusiva al Palace Hotel ***** di Milano Marittima. Su 9 km chilometri di spiaggia cervesi, da sempre laboratorio di tendenze, grazie a servizi che sanno abbinare tradizione e tecnologia, è nata l’app “Spiagge Cervia”: 200 stabilimenti balneari, da Milano Marittima a Tagliata, da oggi nel palmo della mano.

    Concepita per App store e Android, scaricabile in pochi secondi gratuitamente, la nuova app, realizzata da DMA, permette di trovare la spiaggia preferita e le proposte più vicine alle esigenze del turista, fornendo le informazioni utili sui servizi offerti dagli stabilimenti balneari e localizzandoli sulla mappa. L’app contiene poi le ultime proposte della spiaggia, grazie alle news, quotidianamente aggiornate, e al ricco cartellone di eventi proposti sul territorio da Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata.

    Una sezione dell’app è dedicata al concorso “Vinci con le spiagge di Cervia”. È la novità dell’estate 2014: da quest’anno si può sfidare la fortuna e vincere una vacanza da sogno nella pregiata struttura dell’Hotel Palace *****. Situato nel cuore di Milano Marittima, affacciato sul mare e a due passi dal centro cittadino, il Palace Hotel, rappresenta il fiore all’occhiello della proposta alberghiera.Partecipare è semplice: usufruendo dei servizi bar e ristorazione e fotografando lo scontrino si è già in gara. In palio 28 “weekend relax” nell’esclusiva struttura, premi che vengono estratti durante l’estate, e una settimana “All-inclusive”, premio finale la cui estrazione avverrà a settembre.

    L’app inoltre è stata pensata per accedere al WiFi gratuito delle spiagge di Cervia che, grazie alla tecnologia Galileo, fornita dal partner di progetto Acantho, assicura la copertura d’accesso ad internet dalla battigia al lungo mare. Basta chiedere le credenziali per navigare gratuitamente ad alta velocità.

    Infine si possono ascoltare i quattro canali di Radio Galileo, la radio delle spiagge di Cervia, un filo diretto con la colonna sonora delle vacanze. Scegliendo tra il canale Hit con i grandi successi dell’estate o il canale Relax in spiaggia, il canale Family Party o il canale Romagna, per portare con se il ricordo della vacanza.

  • Contributo della Cooperativa Bagnini di Cervia al contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale nelle spiagge.

    Progetto Spiagge Sicure 2014-2016

    Contributo della Cooperativa Bagnini di Cervia al contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale nelle spiagge.

    PREMESSA

    Il passato impegno profuso dalla collettività nella lotta all’abusivismo commerciale sulle spiagge cervesi, seppur importante, non è stato sufficiente a raggiungere il risultato atteso. Ciò ci impone una riflessione anche in relazione ai costi e ai benefici delle attività intraprese e da intraprendere. Peraltro, di fronte alle continue sollecitazioni pervenute, atte ad individuare nuovi percorsi di contributo al contrasto del predetto fenomeno illegale, la Cooperativa Bagnini di Cervia suggerisce all’attenzione di tutte le parti coinvolte, la possibilità di introdurre alcuni elementi di innovazione nell’approccio al fenomeno.

    Investire sull’incremento temporaneo delle unità di sorveglianza (es. vigili assegnati alle spiagge) nella speranza di eliminare, o almeno arginare, il fenomeno laddove si manifesta, sconta difficoltà strutturali che ne inficiano stabilmente il risultato, soprattutto sui tratti di litorale con particolari caratteristiche morfologiche.

    Inoltre, alcuni necessari interventi di contrasto condotti sulla battigia, nonostante le professionalità impiegate, si accompagnano inevitabilmente a momenti di tensione, con pregiudizio della percettibilità della spiaggia come luogo di vacanza.

    La spiaggia, per ciò che rappresenta e per la frequentazione, è un ambiente particolarmente delicato, è pertanto auspicabile che le maggiori attività di repressione siano rivolte negli altri ambiti territoriali.

    Le modalità di contribuzione economica volontaria di associazioni ed organizzazioni d’impresa non assicurano la necessaria pianificazione degli investimenti utili al contrasto del fenomeno.

    L’attuale congiuntura economica ha peraltro ridotto le potenzialità di tale sistema, palesando le difficoltà di operare strutturalmente anche solo sul breve periodo.

    In tal senso, ad esempio, anche le campagne informative di sensibilizzazione, saltuarie e di portata ridotta (depliant, pubblifono, etc.), non hanno determinato la necessaria consapevolezza della illiceità e della pericolosità dei prodotti acquistati.

    Un’innovativa azione di contrasto, basata su un maggior confronto con i vari livelli istituzionali nazionali, con le diverse esperienze europee, nonché con gli organismi di tutela dell’impresa e dei consumatori, può contribuire a migliori risultati.

    La sola defiscalizzazione del contributo privato, insieme ad altri interventi fiscali di scopo destinati a sostenere progetti di tutela della legalità, favorirebbe l’afflusso di risorse nel tempo.

     

    Il coinvolgimento di diversi argomenti e di svariati soggetti è dunque la premessa ai contenuti della proposta.

     

    PROPOSTA

    I soggetti coinvolti:

    la Comunità Europea

    il Parlamento

    la Regione Emilia Romagna

    il Comune di Cervia

    le forze dell’ordine

    le rappresentanze politiche

    le associazioni di impresa

    le associazioni di tutela del consumatore

     

    Gli elementi analizzati:

    il Pubblico (Regione Emilia Romagna/Comunità Europea)

    dati del fenomeno

    costi e i benefici

    studio e ricerca

    intervento normativo

    fiscalità

    comunicazione

     

    IL PUBBLICO/LA REGIONE EMILIA ROMAGNA

    È evidente che lo stato dei luoghi incide sulla qualità dell’offerta turistica.

    In altre importanti località del Mediterraneo, il fenomeno della vendita sulla spiaggia è contenuto e circoscritto ad ambiti molto ristretti, tale da rappresentare un evento straordinario.

    La clientela cosiddetta di “prima linea” (prime file in spiaggia), solitamente, è quella di maggior valenza economica, anche in relazione alla permanenza.

    Oggi, in particolare, questa importante clientela manifesta, con sempre maggiore evidenza, fastidio e disturbo, causati dalla continua offerta di merce, con sovrapposizione di venditori e prodotti di ogni tipo oltre ai servizi alla persona, che negli ultimi anni è cresciuta in modo esponenziale.

    Prestigiose strutture alberghiere da anni denunciano tale fenomeno come pregiudizievole per l’affermazione della proposta alberghiera.

    Inoltre, la sicurezza della balneazione, che rappresenta anche un nuovo elemento dirompente e contributivo per la promozione turistica, rischia di essere compromessa, in talune circostanze, dalla numerosa presenza dei venditori abusivi.

    Garantire vivibilità - legalità, sia sulle spiagge che nelle aree urbane, è premessa fondamentale allo sviluppo turistico.

    In questo senso è auspicabile un maggior coinvolgimento della Regione Emilia Romagna a supporto di progetti e risorse.

     

    IL PUBBLICO/LA COMUNITÀ EUROPEA

    Verificare la legislazione europea in relazione alla tutela dei consumatori e delle imprese ed alla possibilità di sostenere e/o finanziare progetti divulgativi negli ambiti sociali (scuole, altro) sul tema della legalità. Accertare normative ed esperienze di altri paesi europei, promuovendo un convegno internazionale a Cervia sul fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione (made in Italy agro-alimentare).

     

    I DATI DEL FENOMENO A CERVIA

    Vedi allegati.

     

    VERIFICA COSTI/BENEFICI

    Verifica dell’ammontare delle risorse e dei costi oggi impiegati nell’attività di repressione e prevenzione (contributi associazioni, amministrazioni comunali) in relazione ai risultati ottenuti.

     

    STUDIO E RICERCA

    Affidamento di uno studio-ricerca sull’impatto economico dell’abusivismo, sia in termini di volume di affari che di fiscalità evasa.

    Indagine sui rapporti fra commercio abusivo ed organizzazioni criminose (la filiera illegale).

    Ricerca sulla pericolosità di oggetti, indumenti, accessori, giochi venduti sulla spiaggia che non sono prodotti nel rispetto delle normative vigenti. In tal senso, verifica di esperienze e testimonianze degli operatori sanitari, con il coinvolgimento delle associazioni di tutela del consumatore

    Attività di sensibilizzazione del consumatore sulla pericolosità dei prodotti illegali (materiali tossici, colori inquinanti, etc.), attraverso operazioni di comunicazione.

    INTERVENTO NORMATIVO

    La Cooperativa Bagnini invita i parlamentari della Regione a presentare interpellanze parlamentari che mettano in evidenza la gravità del fenomeno e le negative conseguenze in ambito turistico.

    FISCALITÀ

    S’identifica nel tema della fiscalità lo strumento necessario per la costituzione di fondi destinati al finanziamento di progetti mirati.

    È in tal senso auspicabile che i contributi erogati dai soggetti privati (imprenditori, associazioni) possano beneficiare della defiscalizzazione così come avviene già oggi in altri ambiti.

    COMUNICAZIONE

    Realizzazione di un progetto di comunicazione istituzionale, a livello nazionale (es. Pubblicità Progresso - testimonial), sugli effetti del fenomeno dell’abusivismo commerciale.

    Partecipazione a trasmissioni e programmi di informazione radio/tv (sostenuta dalle associazioni di categoria, della cooperazione, dell’industria) dedicati al tema.

    Iniziative sul rapporto commercio-legalità nelle scuole medie inferiori e superiori (programma coadiuvato da associazioni di volontariato, organi istituzionali, polizia di stato, guardia di finanza, municipale, etc).

    Istituzione di un osservatorio sul fenomeno dell’abusivismo commerciale a Ravenna (numero verde).

    INTERVENTI SUL TERRITORIO

    Verificare la possibilità di realizzare una rete di videocamere di sorveglianza nella fascia ricompresa fra gli stabilimenti balneari e gli hotel, pur nel rispetto delle normative di legge.

    Intensificare collaborazioni fra le amministrazioni, le associazioni di categoria, i proprietari, altri.

    Sostenere progetti di reperibilità delle risorse in ambito comunale (imposta di scopo comunale, contributi volontari, sponsor, altro).

     

     

    Coop Bagnini Cervia

    Cervia, lì

  • A Cervia con Galileo viaggi in internet gratis lungo 9 km di costa. Come dice lo slogan è facile, veloce, gratuito!

    Nato due anni fa da un'idea di cooperativa Bagnini il progetto ha reso possibile la navigazione gratis sulla spiaggia di Cervia e delle sue località, comodamente seduti sotto l'ombrellone e a costo zero.

    Basta chiedere la WI-FI card omaggio alla direzione dello stabilimento balneare o del tuo hotel.

  • Con Passpartout puoi richiedere, direttamente dal tuo hotel, ombrellone e lettini nello stabilimento balneare convenzionato che preferisci.

    Inoltre, se soggiorni almeno una settimana in hotel e prenoti anche la spiaggia, avrai diritto al rimborso del biglietto di andata e ritorno dell'autobus. Per maggiori dettagli sugli orari e sulle fermate, clicca su http://www.busdelmare.it/

    Ed in più, i clienti Passpartout hanno in omaggio una lezione di voga presso la nuova scuola di voga Cerviainvoga, dove potranno trovare anche speciali mosconi rossi (pattini) realizzati su misura per i bambini.

    Informati presso l'hotel nel quale prenoti!

    Stabilimenti convenzionati a Cervia, Milano Marittima, Tagliata e Pinarella

    Cervia

    145/146 BAGNO MEDUSA 194 BAGNO OBA OBA
    148 BAGNO TINO 195 BAGNO ULISSE
    149 BAGNO OLIMPIA 197 BAGNO DANIELE
    150 BAGNO LUIGI 198 BAGNO DANIELE
    152 BAGNO SARETINA 199 BAGNO ANNA
    153 BAGNO CASADEI 200 BAGNO FLORES
    155 BAGNO BALMOR 201 BAGNO SAVINI
    156 BAGNO BALMOR 202 BAGNO SILVERIO
    157 BAGNO BALMOR 203 BAGNO SOLOSOLE
    159 BAGNO ISOLA 159 204 BAGNO MERCURIALI
    160 BAGNO BOLOGNA 205 BAGNO BAR A ONDA
    162 BAGNO GIANNI 206 BAGNO SIRTAKI
    163 BAGNO MARTINI 207 KEKO BEACH
    164 BAGNO RENATO 208 BAGNO AURORA
    165 BAGNO SOLELUNA 209 BAGNO K 2 SPIAGGIA
    166 BAGNO SOLELUNA 211 BAGNO ITALIA
    167 BAGNO MONTANARI - PRAIA DO JACARE' 212 BAGNO IMPERIALE
    168 BAGNO SOUVENIR 213 BAGNO AZZURRO
    169 BAGNO 169 214 BAGNO AZZURRO
    170 BAGNO LAS VEGAS 215 BAGNO MORENO
    177 BAGNO SAURO 216 BAGNO GILDO
    178 BAGNO SAURO 217 BAGNO PLAYA CARIBE
    179/180 BAGNO FANTINI CLUB 218 BAGNO PLAYA CARIBE
    181/182 BAGNO FANTINI CLUB 219 BAGNO LIDO BEACH
    183 BAGNO DALLARA 220/221 BAGNO FRANCO
    184 BAGNO MARCO 222 BAGNO GILBERTO
    190 BAGNO ANITA 225 CERVIAMARE
    191 BAGNO BEN 226 BAGNO FELICE

    Milano Marittima

    235 BAGNO ANGELA 285 BAGNO PINO BEACH
    238 BAGNO CORTESI 291 BAGNO PICCADILLY
    241 BAGNO STEFANO BEACH 292 BAGNO PROMENADE
    242 BAGNO PAPARAZZI 293 BAGNO TOURING
    250 BAGNO ORESTE 294 BAGNO LA PALMA
    258 BAGNO MALUSI ENZO 295 BAGNO PRINCIPE
    258 BIS BAGNO MALUSI GIORGIO 298 BAGNO OSCAR
    259 BAGNO CASTAGNOLI BEACH 299 BAGNO VIRTUAL BEACH
    260 BAGNO GIULIANINI 300 BAGNO ERNANI
    261 BAGNO BUSSOLA LIDO 301 BAGNO ARCOBALENO
    262 BAGNO TONINO 302 BAGNO AZZURRA
    265 BAGNO LA BARCACCIA 304/305 PEPERITTIMA BEACH CLUB
    267 BAGNO ANCORA 307 BAGNO KATIA
    268 BAGNO ZEFIRO 312 BAGNO DEL PINO BEACH CLUB 312
    269 BAGNO ROMA 313 BAGNO DARIO
    270 BAGNO CAPRICCIO 314 BAGNO DARIO
    271 BAGNO ALBACORE 315/316 BAGNO BAGNO DARIO
    272 BAGNO MI.MA BEACH 321 BAGNO BEACHOTELS
    273 BAGNO MILANO 323 BAGNO PATTY
    274 LA SPIAGGETTA 337 BAGNO PINETA BEACH
    283 BAGNO FLAMINGO BEACH 340 BAGNO 340 - SPIAGGIA ADRIATICA

    Tagliata

    3 BAGNO SABRINA - FUORIONDA 07/08/09 BAGNO BIANCONERO - FUORIONDA
    4 BAGNO PIC NIC - FUORIONDA 10 BAGNO LE PALME
    5 BAGNO PIC NIC - FUORIONDA 12 BAGNO FOCACCIA
    5 BIS BAGNO BIANCONERO - FUORIONDA 16 BAGNO JOLLY
    6 BAGNO BIANCONERO - FUORIONDA 18 BAGNO ROCCHI
    6 BIS BAGNO BIANCONERO - FUORIONDA 19 BAGNO ROCCHI

    Pinarella

    59 BAGNO CINQUANTANOVE MAR Y SOL 100 BAGNO RENATA
    60/61 BAGNO VANILLA 101 BAGNO KIWENGWA
    65 BAGNO MEDITERRANEO 105 BAGNO STEFANO
    66 BAGNO LUX 106 BAGNO ADMIRAL
    68 BAGNO LIDO LE VELE 107 BAGNO ANDREUCCI
    69 BAGNO ALTA MAREA 108 BAGNO ANDREUCCI
    72 BAGNO HILDE 114 BAGNO SARA
    73 BAGNO GIARDINO 118 BAGNO LA VILLA
    76 BAGNO SETTEBELLO 119 BAGNO ANGELA
    77/78 BAGNO STELLA 120 BAGNO FRANCO
    79 BAGNO JOLLY 120 BIS BAGNO PINETA
    80 BAGNO 3 STELLE 121 BAGNO GIULIANA
    81/82 BAGNO SOLARIS 122 BAGNO ITALIA
    83 BAGNO ANDREA 126 BAGNO PAOLA
    84 BAGNO PLAYA DEL CARMEN 127 BAGNO MINGOZZI
    87/88 BAGNO PALM BEACH 128 BAGNO MINGOZZI
    98 BAGNO EVEREST 129/130 BAGNO MARE PINETA
    99 BAGNO BOCA CHICA 131 BAGNO DELFINO

     

  • Legato alla certificazione di qualità, è attivo il Progetto UN BAGNINO PER AMICO, servizio rivolto ai turisti diversamente abili.

    Poltrone per disabili e assistenza

    Gli stabilimenti balneari che aderiscono al progetto "La spiaggia di Cervia Qualità Certificata" che, come detto nella pagina dedicata, espongono all'ingresso una tabella identificativa e nel nostro sito sono contrassegnati dal logo TUV, possono richiedere l'utilizzo di poltrone per disabili, telefonando direttamente al numero verde in loro possesso. Sarà compito dell'operatore consegnare le poltrone (salvo disponibilità) e organizzare l'assistenza al disabile.

    Tale assistenza è garantita grazie al supporto e alla collaborazione di Fisioequipe, che impiega nella iniziativa 3 operatori professionali che per 1 ora al giorno sono di supporto alle persone disabili e ai propri familiari.
    Il servizio di assistenza è operativo da giugno fino alla fine di agosto, tutti i giorni (escluso sabato e domenica) dalle 9,30 alle 12,30/13,00.

    Il progetto della Cooperativa Bagnini, oltre ad assumere una forte valenza etica, si propone anche di fornire una proposta innovativa al sistema alberghiero, il quale, grazie a questa iniziativa, può riservare ai clienti anche temporaneamente "non abili", un supporto eccellente, e ad oggi esclusivo, nel panorama delle spiagge più affermate. Il servizio è completamente gratuito.

     

  • Radio Galileo Cervia, la tua radio dalla spiaggia

    “Misura ciò che è misurabile e rendi misurabile ciò che non  lo è”

    Galileo Galilei

    Cervia,  Milano Marittima,  Pinarella e Tagliata...... uno dei comprensori turistici più importanti d’Italia.. 9 km di spiaggia attrezzata  in cui è possibile navigare gratuitamente  su internet  grazie a collegamenti in fibra ottica di nuova generazione!!

    Da quest’anno prende il via il progetto ….  Radio Galileo Cervia

    La prima piattaforma multicanale disponibile per oltre 200 stabilimenti .. Un filo diretto con i turisti che potranno ascoltare e ricevere  la radio su tablet e smartphone ovunque essi siano..

    Radio Gaileo Cervia.. un importante  strumento di ricezione ed accoglienza in grado di aggiornare   turisti i sulle iniziative della riviera, i servizi offerti, gli eventi…è un innovativo media indicato per la promozione del territorio..

    uno strumento di intrattenimento e di arredo musicale  per  la riviera  utilizzabile da tutti  gli operatori  i quali   possono scegliere in  ogni momento il genere musicale …

    sarà possibile selezionare il canale  Hit.. con i grandi successi dell’estate ..  spostarsi  nella pausa pranzo sul canale Relax on the Beach.. oppure all’ora dell’aperitivo accendere  la  festa con il canale Family Party…  e in qualsiasi  momento selezionare il nuovo  canale Romagna …. !!!!

    un regalo per i turisti anche dopo la vacanza ..  
    Radio Galileo Cervia.. un idea My Radio,  cooperativa bagnini Cervia, Comune di Cervia,  e Acantho Spa (società del gruppo Hera):

    un progetto destinato a  diventare  il principale riferimento  di promozione e  per il sistema turistico -  aziendale della riviera.

01/11/2014 01:47:44
Tutte le news